Bitcoin o Ethereum… Differenze tra Criptovalute!【Guida Completa 2020】

Ethereum vs Bitcoin, ma anche Litecoin, EOS, Bitcoin Cash, Binance Coin e altre centinaia… ma quali sono le differenze tra criptovalute?

Per comprendere la differenza dobbiamo porci una prima domanda: cosa c’è dietro Ethereum, Bitcoin e le altre criptovalute?

Dietro la tecnologia di tutte le criptovalute c’è la Blockchain. Cos’è la Blockchain? Si tratta di una vera e propria catena in cui le informazioni nuove si concatenano a quelle precedenti. Ogni pezzo della catena aggiuntivo viene definito Blocco, da qui BlockChain: catena di blocchi.

Ogni criptovaluta possiede la propria Blockchain. Si tratta di un enorme banca dati di informazioni condivisa contemporaneamente da migliaia di utenti, una banca dati in costante crescita che si aggiorna man mano vengono completati nuovi blocchi. Ovviamente questi dati sono crittografati e non possono essere modificati. E’ questo il motivo per il quale la Blockchain è ritenuta interessante anche nella creazione di applicazioni.

In questa guida proviamo a spiegartelo!


3 Tipologie di Criptovalute: Bitcoin/Altcoin/Token

La blockchain riunisce i tre principali tipi di criptovaluta. Bitcoin è stata la prima blockchain (vai alla sezione Bitcoin per ulteriori informazioni su come è iniziato e cosa fa).

Dopo Bitcoin, sono state create molte nuove blockchain – queste sono chiamate altcoin (adesempio Ethereum, EOS, Cardano, Tron, Binance.. e molte altre.. sono solidi esempi di altcoin). Infine, ci sono i token / dApps, si tratta di blockchain in fase di sviluppo che non sono ancora pronte ma che hanno una cryptovaluta che si appoggia su altre blockchain (la maggioranza su rete Ethereum, molte anche su EOS e altre crypto secondarie).

Bitcoin: il re delle Cripto

Nel 2008, nasce l’idea di Bitcoin per mano di Satoshi Nakamoto che ne pubblicò il white paper online. Tuttavia, è stato in seguito rivelato che Satoshi Nakamoto non era il vero nome di questa persona. Ancora oggi, nessuno conosce il vero nome del creatore di Bitcoin!

All’epoca, nessuno sapeva che Bitcoin sarebbe diventato quello che è oggi. Nessuno sapeva che sarebbe stato l’inizio di un enorme movimento tecnologico … ma lo era. Fu l’inizio delle criptovalute – l’inizio di una nuova era.

Ma Bitcoin non è solo una moneta digitale il suo sistema alla base (la blockchain) è anche decentralizzato , il che significa che non dipende da una banca o da terze parti per gestirlo.

Con Bitcoin, ogni transazione avviene direttamente tra utenti: si chiama rete peer-to-peer . Tutto ciò è possibile grazie alla blockchain. Bitcoin ha introdotto la tecnologia blockchain per consentire agli utenti di inviare e ricevere Bitcoin senza utilizzare terze parti.

Poiché non hai bisogno di terzi, non devi identificarti. Puoi effettuare pagamenti senza rivelare chi sei, ecc.

Quando qualcuno invia Bitcoin, la transazione viene verificata e quindi memorizzata sulla blockchain (il database condiviso). Le informazioni sulla blockchain sono crittografate: tutti possono vederle, ma solo il proprietario di ciascun Bitcoin può decrittografarle. A ciascun proprietario di Bitcoin viene assegnata una ‘chiave privata’, e questa chiave privata è il modo in cui decodificano il proprio Bitcoin.

Le transazioni vengono verificate tramite software che decodificano la blockchain creando nodi, ogni nodo è validato da altri software in giro per il mondo.. in questo modo il sistema è decentralizzato, ogni nodo è inserito all’interno di un nuovo blocco e alla creazione di ogni nuovo blocco vengono rilasciati nuovi bitcoin.

L’esecuzione di questo software consuma molta elettricità, però. Quindi, come fanno le persone e le aziende che gestiscono i nodi a pagare le bollette dell’elettricità? Benvenuti nel mining …

Come detto i nodi sono ricompensati per la verifica delle transazioni – con nuovi Bitcoin. Ecco come vengono creati i nuovi Bitcoin. Puoi confrontarlo con l’estrazione dell’oro, in cui i minatori vengono premiati con l’oro. Nel mining di Bitcoin, i nodi sono i minatori: estraggono il nuovo Bitcoin.

Quando un nuovo blocco di transazioni viene inviato alla blockchain, i minatori / nodi verificheranno il blocco utilizzando un algoritmo chiamato PoW (Proof of Work). In PoW, il primo minatore a verificare il blocco viene premiato con nuove monete. Esistono altri algoritmi utilizzati in altre blockchain, ma ci arriveremo nella prossima sezione.

Le Altcoin

Ethereum è la seconda criptovaluta per capitalizzazione al mondo e ha riscosso molto successo fin da quando, nel 2014, Vitalik Buterin ne ha annunciato la nascita e la filosofia. Ancora oggi, a lancio ormai avviato e a quotazione ben consolidata sul mercato, l’Ethereum viene quotidianamente confrontato con il Bitcoin, la prima valuta virtuale. È importante, dunque comprendere somiglianze e differenze tra Bitcoin ed Ethereum.

Tra le altre altcoin alcune sono anonime e i dati della blockchain non sono consultabili (ad esempio MONERO), altre sono simili ad ethereum (si minano) altre ancora invece hanno una logica diversa. Ethereum è minabile, mentre EOS e TRON ad esempio sono cryptovalute nate da ICO (initial coin offering), non sono minabili e dunque le monete sono state già tutte distribuite, i nodi della blockchain sono gestiti in modo diverso e la decentralizzazione è fatta – come nel caso di eos – da blockproducer che sono votati dalla comunità di detentori di eos, e che in cambio ricevono dei token prodotti con un sistema di inflazione.

Differenze tra Bitcoin, Ethereum e altre Altcoin

Prima differenza: i contratti intelligenti

La prima cosa che dovete sapere è che Ethereum, a differenza di Bitcoin, non è solo una moneta digitale. È una piattaforma basata sullo scambio di “contratti intelligenti” o “smart contract” che avvengono tramite la tecnologia alla base della blockchain di Ethereum.

In teoria anche Bitcoin permette lo scambio di contratti intelligenti, ma il sistema è farraginoso in quanto ideato per garantire semplici transazioni economiche. Ethereum ha portato questa tecnologia ad uno step più avanzato, garantendo un sistema di transazioni facile e più veloce di Bitcoin ma al tempo stesso la possibilità di sviluppare smart contract.

Ma cosa sono questi contratti intelligenti di Ethereum? Si tratta semplicemente di un applicazione informatica basata su blockchain che permette a sviluppatori di software e app di creare produzioni informatiche che per essere validate devono passare attraverso i nodi della blockchain (dunque non su server proprietari ma su un sistema decentralizzato in cui non esiste un proprietario). Questa tecnologia può essere utilizzata anche in sistemi complessi. In pratica una qualsiasi realtà, istituzione, organizzazione o società può utilizzare la tecnologia alla base di ethereum. Ad oggi sono oltre 100000 le software house che hanno deciso di sviluppare applicativi con tecnologia Ethereum, molte di queste realtà realizzando dei TOKEN legati alla Blockchain di Ethereum.

Ethereum non è l’unica Criptovaluta che si basa sui contratti intelligenti, ma è la prima ad aver adottato questo sistema riuscendo ad imporsi come leader del mercato tra le criptovalute basate su questa filosofia. Tra le altre criptovalute che si pongono lo stesso obiettivo ci sono anche Eos, Cardano, Neo, Tron… solo per citarne alcune.

Seconda differenza: tipo di utilizzo

L’utilizzo tra Bitcoin ed Ethereum è abbastanza diverso, ecco perché siamo convinti che per entrambe le criptovalute ci siano ampi margini di crescita. Bitcoin serve prevalentemente per fare transazioni, nel mercato finanziario è adoperata come valuta di scambio tra denaro tradizionale quale euro/dollari, ecc (definito FIAT) e criptovaluta. Gli Ethereum sono invece utilizzati, tramite i contratti intelligenti nello sviluppo di progetti tecnologici, o per favorire lo sviluppo di nuove criptovalute, che per l’appunto si appoggiano nella fase di Startup sulla rete Ethereum. Questa seconda caratteristica è un pro ma anche un contro, difatti i nuovi progetti tecnologici che scelgono di fare una ICO (Fund raising) tramite l’acquisizione di Ethereum, vendono anche ethereum per finanziarsi, dunque rendono il prezzo di Ethereum molto oscillante.

Terza Differenza: velocità

I contratti intelligenti di Ethereum utilizzano applicazioni archiviate in blockchain per la negoziazione e l’agevolazione dei contratti. Queste applicazioni, a differenza di Bitcoin, funzionano in modo decentrato rispetto alla blockchain principale: questo aspetto rende incredibilmente difficile la frode o la censura ma al tempo stesso rende la velocità della rete molto più elevata.. è questo il motivo per il quale effettuare una transazione su Ethereum è più veloce rispetto a Bitcoin (che impiega oltre 10 minuti per blocco vs i 12 secondi di Ethereum).. alcune altcoin come Eos impiegano addirittura meno di un secondo per effettuare una transazione..

Quarta Differenza: quantità di moneta coniata

Un’altra differenza fondamentale è l’offerta monetaria: i Bitcoin circolanti sono poco superiori ai 18 milioni, mentre Ethereum ha oltre 100 milioni. La superiorità di ethereum in circolazione, ovviamente influenza anche i prezzi al cambio, che per Ethereum si attestano a cifre decisamente inferiori rispetto a Bitcoin.

Un altro dato interessante è quello legato all’estrazione di nuove cryptovalute e all’inflazione futura: oltre i 2/3 dei bitcoin sono già stati estratti, gli Ethereum in circolazione attualmente sono meno della metà di quelli che potranno essere minati in futuro. La ricompensa per l’estrazione di Bitcoin dimezza ogni quattro anni ed è attualmente valutata a 12,5 bitcoin.

Molte altre altcoin non si minano ma sono generate alla creazione del progetto di blockchain e vengono venduti tramite ICO (initial coin offering).

Lo vedremo nella successiva sezione.

Token/Dapps

Come accennavamo qualche punto più in alto, una grande caratteristica di Ethereum e di altre altcoin come EOS e TRON è la possibilità di creare dei token e Dapps che ruotano sulla blockchain di queste altcoin. Si creano dei token e si mettono in vendita quando il progetto è ancora in fase di ideazione o sviluppo. Qualora il progetto viene accolto positivamente, si crea una ICO (initial coin offering), in cambio di un finanziamento al progetto si ottengono uno o più token. Questi token non vengono minati.. ma se il progetto e la Dapp (Applicazione Decentralizzata) alla base avrà successo, il valore del token potrebbe raggiungere le stelle… è anche vero che molte ICO sono truffe.. quindi essendo un mondo totalmente deregolamentato, conviene fare sempre attenzione e non investire a caso.

Dove acquistare Ethereum e Bitcoin

Sono tanti i siti per acquistare Bitcoin ed Ethereum. Infatti si tratta delle due cryptovalute più diffuse sugli exchange. Se hai deciso di Acquistare Ethereum o Bitcoin ti consigliamo Coinbase se ti iscrivi puoi avere un buono sconto di 9 euro su una spesa di 80, il sito accetta varie tipologie di pagamento (qui la guida), se invece vuoi minarli, esistono vari siti (qui la guida)


Comments

  1. Ciao, grazie per la spiegazione, ho una domanda: conviene comprare Bitcoin o Ethereum?

    1. Ciao, bella domanda. Entrambe le criptovalute hanno possibilità di crescere ancora in futuro. Ethereum ha una tecnologia molto innovativa nel panorama delle criptovalute… e a questa tecnologia sono legate altre decine di criptovalute. Dunque a nostro parere ha possibilità di svilupparsi in modo maggiore di bitcoin… ma ciò non vuol dire che supererà bitcoin, almeno nel breve e medio periodo.
      Per rispondere alla tua domanda: faremmo un investimento 50/50.

  2. Ethereum ha una tecnologia spettacolare che Bitcoin si sogna, inoltre è ancora in crescita (nonostante il calo generalizzato di questo periodo).

    1. Ciao Patrizio, ogni cosa ha dei pro e dei contro, sicuramente Ethereum ha una tecnologia innovativa e ancora da esplorare, ma ha anche tanti nuovi competitors (vedi Eos, Cardano), mentre Bitcoin si è imposto come leader nella sua specifica tecnologia.

    1. Ciao Andrea, ci sono varie differenze tra EOS ed Ethereum, proviamo a riassumertele qui e ci ripromettiamo di fare un articolo.

      1. EOS non è minabile, ma la quota di moneta circolante è già stabilità (1 miliardo di EOS, con inflazione programmata di circa 1% anno)
      2. La piattaforma di EOS è scalabile e veloce a differenza di ethereum (si parla di oltre 1000 transazioni al secondo e di creazione di blocchi rapidissima, rispetto ai 10 minuti di eth).
      3. EOS permette lo sviluppo di dAPP con linguaggio c++ rispetto al linguaggio proprietario Ethereum, questo è un vantaggio.
      4. EOS seppur un progetto indipendente e open source ha dietro una società che ha accumulato quasi due miliardi di dollari per finanziare società di sviluppare dAPP sulla propria piattaforma.
      5. Collegato al punto 4, le dAPP di EOS che decidono di ruotare su blockchain EOS sono tendenzialmente portare a regalare una parte dei token ai possessori di EOS tramite gli airdrop.

Leave a Comment